Visualizzazione e immaginazione secondo la scienza

VISUALIZZAZIONE E IMMAGINAZIONE SECONDO LA SCIENZA

Quanto pensi che la tua immaginazione possa influenzare la tua vita? 

Spesso parlo di quanto l’immaginazione sia fondamentale per costruirsi un futuro brillante e quanto sia importante per sapere chi vogliamo essere nei prossimi anni e cosa vogliamo raggiungere. Spesso le persone erano scettiche riguardo a questo esercizio che facevo con loro dal vivo.

Grazie alle numerose ricerche e studi delle neuro scienze, oggi siamo in grado di provare cosa succede all’interno del nostro cervello mentre immaginiamo e il processo sinaptico che avviene in modo istantaneo.

Oggi si parla molto di strategie e di tecniche di visualizzazione, ma è possibile che la visualizzazione crei degli effetti controproducenti anziché favorevoli, e in questo articolo ti voglio spiegare il modo corretto per praticarla e avere dei risultati concreti nelle prossime settimane, mesi e anni.

Ma vediamo perché nella maggior parte delle volte la visualizzazione non funziona.

Chi mi conosce sa che amo studiare e conoscere le ricerche nell’ambito delle neuro scienze e della psicologia umana per metterle in pratica su me stesso e poi, una volta constatato il valore, trasmetterle agli altri.

 

VISUALIZZAZIONE E IMMAGINAZIONE FUNZIONANO?

Partiamo da una prima domanda: esistono delle tecniche e delle prove tangibili che la visualizzazione porti benefici nella risoluzione dei problemi e nel raggiungimento degli obiettivi?.

Secondo il Professore ordinario di Psicologia Generale e Direttore del Dipartimento di Psicologia dell’Università Cattolica di Milano, Alessandro Antonietti, mettere in atto la visualizzazione mentale favorirebbe effettivamente la risoluzione dei problemi attraverso la nostra capacità di problem-solving.

Nel 1991 pubblica una sua ricerca il “ Why does mental visualization facilitate problem-solving”  in cui dimostra che la visualizzazione faciliterebbe il cervello ad individuare gli elementi chiave di un problema, fornendo un quadro semplificato della situazione.

Inoltre, visualizzare nella propria mente un problema da risolvere o un obiettivo, mette in moto le capacità predittive del nostro cervello aiutandoci così, in modo più facile e veloce, a identificare e trovare la soluzione.

Quindi già da questo studio abbiamo dei fatti che supportano l’importanza della visualizzazione. Del resto, anche Albert Einstein disse l’immaginazione è più importante della conoscenza.

Ma torniamo a noi. Come mai allora sono in molti che ci hanno provato e non hanno trovato dei riscontri positivi nel metterla in atto?

Qual è il modo più efficace per far scattare tutti i processi nel nostro cervello e per sfruttare al meglio la potenza della nostra visualizzazione?

 

COME VISUALIZZARE E CON QUALE METODO?

Vediamo assieme come possiamo davvero creare un processo efficace che io stesso utilizzo su me stesso e con migliaia di partecipanti ai miei corsi ogni anno.

In un altro studio condotto negli anni Novanta dall’Università della California – “From thought to Aztion: Effects of Process Versus Outcome Based Mental simulations on Performance” viene dimostrato che le tecniche di visualizzazione sono effettivamente efficaci, ma non tutte funzionano e addirittura visualizzare nel modo sbagliato può diventare svantaggioso.

Lo studio effettuato dall’Università della California mette a confronto i risultati di due gruppi di studenti al quale è stato chiesto di fare questo:

  • Al primo gruppo di studenti è stato chiesto di visualizzare il superamento dei propri esami universitari con dei voti eccellenti, quindi gli è stato chiesto di pensare all’obiettivo.
  • Al secondo gruppo di studenti gli è stato chiesto di visualizzare la fase di studio e della loro preparazione, quindi il

Secondo voi come è andata?

Pensate che gli studenti che si sono impegnati a visualizzare il proprio obiettivo, quindi con il raggiungimento di ottimi voti degli esami, ha ottenuto risultati in media inferiori rispetto alle aspettative e al secondo gruppo di studenti.

Incredibile, ma pensare a un risultato e a un obiettivo perfetto porta il nostro cervello ad “allentare la focalizzazione”. Pensate che visualizzare è così potente che il fatto di immaginare degli esami già superati in modo perfetto comporta un generale calo di attenzione e motivazione.     

E’ per questo, che quando effettuo la visualizzazione nei miei corsi, porto le persone a concentrarsi su cosa vogliono raggiungere, ma anche sui potenziali momenti di “fallimento” che possono accadere e su come possono reagire per ritrovare la motivazione per continuare il percorso.

Insomma, visualizzare esclusivamente il risultato desiderato può avere delle controindicazioni. Invece, il gruppo di studenti al quale è stato chiesto di visualizzare il processo di preparazione degli esami è riuscito a performare meglio ed è riuscito a raggiungere con meno stress i propri obiettivi.

Da questo studio è quindi emerso che è più efficace quando, durante la visualizzazione, ci concentriamo sul processo, quando visualizziamo noi stessi che ci impegniamo: è questo che ci porta ad agire e a perseguire i nostri traguardi.

 

COSA FARE NELLA PRATICA

Vediamo ora insieme come passare dalla teoria alla pratica per poter beneficiare dell’ efficacia della visualizzazione.

2 PASSI PER VISUALIZZARE IN MODO EFFICACE

1. Dobbiamo avere una meta, un obiettivo ben definito. Abbiamo visto che focalizzarsi solo sul risultato finale che vogliamo ottenere è controproducente, ma ricorda sempre di avere l’obiettivo sempre chiaro in mente. Quando hai ben definito la meta da raggiungere, comincia a pensare alle AZIONI che hai bisogno di intraprendere per raggiungere la tua destinazione.

2. Visualizza il processo e te stesso mentre compi le azioni che servono per raggiungere il tuo obiettivo. Ti suggerisco vivamente di visualizzare appena sveglio al mattino per circa 3/5 minuti e di visualizzare te stesso compiere delle azioni e mentre lo fai, di essere motivato a imparare cose nuove durante tutto il percorso. Mentre visualizzi pensa che le cose che fai vengono in modo semplice e che sei soddisfatto di te stesso mentre le fai. E se vuoi pensare al tuo futuro nei prossimi anni, ti suggerisco di partire dalle prime azioni che tu stesso metterai in atto da subito, o nelle prossime ore, da domani, oppure dalla prossima settimana se vuoi essere veramente incisivo e efficace. Ricorda che qualsiasi viaggio comincia con un piccolo passo.

 

Spero che questo articolo ti sia piaciuto, ma soprattutto che possa essere utile per la tua vita.

Il mio desiderio e augurio per te è che tu possa avere buona salute, tanto successo, avere delle straordinarie relazioni personali e sociali, tanta energia e motivazione per mettere in atto tutta la tua creatività, la tua immaginazione per realizzare le cose più importanti per la tua vita ed essere soddisfatto e orgoglioso di te stesso per aver compiuto tutto quello che avevi in programma di fare.

Condividi questo articolo con un tuo amico o collaboratore, se pensi che possa essergli di aiuto per migliorare nella vita e nel lavoro.

 

 Il tuo più grande FAN – Giovanni Porreca